Alla memoria di César Vallejo

cropped-vallejo_1[1]

Al poeta dei fiori di cactus

Amico,
non sei vissuto invano,
se un tuo verso sopravvissuto
mi arde nel petto;
se il tuo verso
risuona
nei padiglioni dell’anima;
se, talora, mi strappa
un sorriso amaro
dallo sguardo,
occultato nelle pagine dei tuoi Poemas.

Ora Parigi, srotola tappeti
nelle corsie degli ospedali
in tua memoria
e si percuote il petto
per gli artisti che morirono
con le pulci sotto le ascelle.

A nulla vale l’alloro
tardivo
deposto sulla fronte
del tuo simulacro.

Solo l’amore di un altro
oscuro poeta
può accarezzarti il cuore,
fin dentro il marmo;
il tuo cuore di poeta
che il tempo non ha osato
transustanziare in cenere.

———————————-
A Cesar Vallejo
Poeta andaluso

Annunci

Informazioni su annysea

Nulla da dichiarare
Questa voce è stata pubblicata in poesie edite e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...