Attesa

393947_272702176113111_108845529165444_721602_2000829054_n[1]

ATTESA

A piccoli passi avanza
nel tempo d’avvento…
nell’aria si sente già il suo vagito.
si pregusta la gioia del suo arrivo..

Oh! dolce bambino che vieni,
che vieni a rinnovare la terra,
si avverte nel cielo una luce nuova
che slarga
che riluce
che purifica,
tutto si rinnovella
non c’è nulla di antico
non c’è neanche una stella
di ieri, del tempo antico che fu..
Tutto è nuovo
son nuove le greppie
hanno tepore di abbracci le disertate culle,
calore di fiati turchini
bagliori emana la notte
presaga di nuova salvezza,
le sacche dei miti pastori recano
la nuova speranza
è nuovo il canto d’alleluja
che copre come un manto l’umanità dormiente
la scuote dal torpore indifferente
questa dilagante melodia
che tutto pervade
che giunge nei posti più remoti…
negli angoli più impolverati.
Rifulge di lucore la prima stella
la più modesta, la più bella
che splende come una costellazione,
nuovo universo si prepara
ad accogliere l’Infante divino
Aprigli le porte del tuo marmoreo cuore,
Egli è solo un bambino
ma reca nel roseo pugno
il suo scettro regale…

può portarti l’abbraccio divino..
può lasciarti il suo dono d’Amore.

Anna Marinelli * Natale 2007

Annunci

Informazioni su annysea

Nulla da dichiarare
Questa voce è stata pubblicata in Poesie del Natale. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Attesa

  1. eos ha detto:

    a volte mi chiedo perchè, passato il giorno del Natale, l’abbraccio entro cui si stringe l’umanità si scioglie…….ognuno ritorna sui propri passi, arretra anzichè proseguire…, perchè molti richiudono il cuore appena aperto……
    bellissima, Anna…..la dolcezza appena venata di malinconia dei tuoi versi è inconfondibile.
    ciao Anna, spero che tu abbia passato un Buon Natale.
    baci
    eos

  2. 49mimosa ha detto:

    Mia cara Anna
    Quale piacere ricevere un tuo augurio…quale piacere saggiare di nuovo la tua anima.
    Ci siamo perse? Capita in questa realtà non reale. Ma io non dimentico la tua dolcezza e la tua carezza quando ne ho avuto bisogno. Ci sono stati altri momenti nei quali il soffio di un’angelo poteva essere di consolazione, ma ho dovuto far scorrere il tempo. Un tempo non più recuperabile…un tempo solo da ricordare.
    Un abbraccio e un grande augurio di Buon Anno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...