‘Nvièrnu

 

‘NVIERNU

 

Ce friddu si respira ‘sta sirata

ce calma ca si sente pi lla strata

e tutti cucchji cucchji ‘ntra lli case

prisciati ‘nturnu ‘nturnu alli fracere

 

Nu picca di cinisa ‘ppizzicata

ca puntu puntu scarnisciata vene

cu lla speranza cu si po’ scarfare

lu sangu ca ha ghjacciatu ‘ntra lli vene

 

e tatacore vò conta nna storia

ca li piccinni sapinu a memoria

ci sapi quanta voti l’ha cuntatu

di quannu iddu partìu pi lu suldatu.

 

Do’ jatti intra l’òrtiri scamannu

pi lla miseria quanta scamunèra,

e lu riloggiu ti mienz’alla chiazza

ni tìci ca so li ùnnici ti sera.

 

E mo ni scià curcamu, tici mama,

cu lu fisciùlu ncueddu e na scialletta

ca crè matina na m’azà pi tiempu

la vita ve ti persa e nonci ‘spetta.

 

Annunci

Informazioni su annysea

Nulla da dichiarare
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a ‘Nvièrnu

  1. annysea ha detto:

    Emozionante Fabio, ne hai fatto una canzone che mette i brividi! Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...