Convegni

16939031_10211723480793375_7780258582060539363_nEPSON MFP image17097828_10208825968148225_6628110065128942641_o

Mentre nel 1990 partecipavo ad un Convegno Internazionale organizzato dalla Vallisa sulla Poesia al Femminile a Bari, per un grande incontro con la poesia delle poetesse sparse per il mondo…questa sera sarò ospite di un Convegno organizzato dalla Commissione delle pari Opportunità del Comune di San Giorgio Jonico, mio paese natale, durante il quale porterò una mia poesia intitolata LE MANI DELLE DONNE.

Porterò anche la testimonianza da me raccolta di una delle prime donne imprenditrici di San Giorgio Jonico; Mestra Chicchina Capozza, una donna che non esitò a fare “il Falegname” pur di provvedere alla costruzione delle bare, durante l’assenza degli uomini…tutti impegnati sul fronte, a fare la guerra: Una testimonianza che desidero condividere con voi.

 

Mestra Chicchina e li chiavutieddi

 

Stonu certi storie ca onu successu allu paisu mia ca nisciùnu canosce, ma sontu tanta beddi ca quannu li sentu mi rìzzic’nu li carni.

Questa ete propia bedda.

Quannu scuppiò la prima uerra mondiale tutti li uèmmini giuvini érna scè alla uerra pi salvà e difendere la Patria.

Rimanévunu sulu li viecchj. Appusitìu mancàvunu anni sani sani li falegnami, li scarpari, li cuntadini, li massari, li conzacràste, insomma tutti quiri ca tinevunu nu mistiere.

Intr’a San Giorgi stàvunu tanta falegnami, e tutti èrnu sciutu alla putèa di “Mestru” Carmelu Capozza cu si mparàvunu lu mistiere di falegname d’arte fina.

Quannu Mestru Carmelu e l’otri falignami fùrunu chiamati pi scè sott’a l’armi rimanérnu sulu li femmini e li viecchj.

Mo ti vogghju, ca murévunu li cristiani e no stavunu cchiù chiavuti!!!!

Murévunu li piccinni e no stavunu chiavutieddj. Comu s’era ffa?

Tannu li piccinni murévunu puru cu nna freve, ca no stavunu miticini cu si curàvunu.

Ogni giurnu murévunu piccinni, e sirvèvunu li chiavutieddj, tant’è ca quannu sunava la campanedda era lu nsignale ca era muertu n’otru piccinnu.

Allora la mugghjere ti Mestru Carmelu Capozza, (ca si chiamava Frangesca Carafa, zia ti quiru Giuliu Carafa, maritu ti Ratodda ti lu furnu) chiamò cincu se’ femmene e li mittiu tutti a fatià ‘ntra la putea.

Edda ormai tineva l’esperienza di tant’anni ca era vistu fatià lu maritu e sapeva diriggere bona li ‘iutànti sua e li màschili cchiù viecchj scèvunu a Tarantu cu lu travinu e scè pigghjàvunu lu ligname e lu purtàvunu a San Giorgi.

Di tannu ‘sta cristiana cussì attiva la chiamàrnu tutti “Mestra Chicchina” .

Nu titulu ca li spittava di dirittu!

Annunci

Informazioni su annysea

Nulla da dichiarare
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...